≪ Torna indietro

COMUNE DI MIRANO

IL PIANO D’AZIONE PER L’ENERGIA SOSTENIBILE E L’INVENTARIO DI MONITORAGGIO DELLE EMISSIONI

Il 15 novembre 2012 il Comune di Mirano ha aderito al Patto dei Sindaci, impegnandosi a predisporre entro un anno il PAES (Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile), ossia il protocollo europeo che ha come obiettivo la riduzione del 20% delle emissioni di CO2, l’aumento del 20% dell’efficienza energetica e l’incremento dell’uso di energia proveniente da fonti rinnovabili sempre del 20%, impegnandosi a raggiungere tali obiettivi entro il 2020.

Dal Piano di Azione per l’Energia Sostenibile del Comune di Mirano risulta che il settore che produce maggiormente emissioni di CO2 è quello dell’Edilizia residenziale privata, dato che costituisce il 45% delle emissioni totali (il 74% di esse dipendono dal riscaldamento). Il trend pro-capite delle emissioni totali di CO2 che vanno dal 2005 al 2010 è pari a -4,5%; andamento che potrebbe raggiungere gli obiettivi prefissati.

Ogni due anni va redatto l’inventario di Monitoraggio delle Emissioni (IME) per esaminare l’andamento delle azioni e il raggiungimento degli obiettivi prefissati dal PAES.

PRIMA RELAZIONE IME – Biennio 2013/2015
Il Comune di Mirano il 10 novembre 2015 ha approvato la prima relazione IME con riferimento al biennio 2013-2015. La relazione analizza lo stato di avanzamento delle azioni dal 2005 al 2020, evidenziando un abbattimento delle emissioni di anidride carbonica in atmosfera pari al -34% rispetto ai dati rilevati nel 2005.

SECONDA RELAZIONE IME – Biennio 2015/2017
Si è effettuata anche una seconda relazione IME, con riferimento al biennio 2015-2017, secondo la quale il PAES di Mirano prosegue in equilibrio con le proprie azioni: rispetto all’ultimo monitoraggio del 2015 non ha subito significative modifiche, ma si prevede un pieno compimento per il periodo 2018/2020. Con questo aggiornamento, però, è stato calcolato un valore di riduzione delle emissioni che rappresenta il 53,71% di quanto previsto dal Piano al 2020.

Per la realizzazione degli obiettivi del PAES l’Amministrazione in questi due anni ha svolto iniziative che hanno coinvolto i cittadini e i soggetti portatori di interesse, riconoscendo a questi un ruolo fondamentale per il raggiungimento degli obiettivi di piano riguardanti soprattutto gli ambiti privati, educativi e della mobilità.

Dalla data di redazione dell’ultimo monitoraggio sono state quindi svolte diverse attività per la promozione degli obiettivi previsti dal Patto dei Sindaci, allo scopo di incentivare comportamenti virtuosi dei cittadini e sviluppare pratiche in supporto al progetto.

Le 52 azioni previste nell’ambito del PAES, aggiornato durante l’ultimo monitoraggio, sono classificate in 8 ambiti d’intervento detti macro-categorie, il cui maggior settore è costituito dal settore terziario, che rappresenta per Mirano il 17% di tutte le emissioni di CO2.

IL PIANO PER IL CONTENIMENTO DELL’INQUINAMENTO LUMINOSO

In seguito all’aggiornamento del Censimento dei punti luce e dei quadri avvenuto nel mese di marzo 2016, è stato redatto il PICIL di Mirano il quale ha definito le linee guida per adeguare gli impianti di illuminazione pubblica del comune alle prescrizioni della LR del Veneto 17/2009 relativa alla riduzione dell’inquinamento luminoso e dei consumi energetici.

A Mirano, dal 2005 al 2014, i consumi di energia elettrica sono aumentati del 16% e l’illuminazione pubblica esterna costituisce circa il 64 % dei consumi totali.

 

CENSIMENTO COMPLETO DEGLI IMPIANTI DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA

Sempre a marzo 2016, è stato fatto un censimento degli impianti di illuminazione pubblica attraverso la georeferenziazione con gps dei punti luce e dei quadri elettrici e grazie alla creazione del SIT, Sistema Informazione Territoriale della pubblica illuminazione.

I dati ricavati dal censimento sono:

  • Numero di punti luce: 5503
  • Numero apparecchi illuminanti: 4943
  • Numero tipologie: 97
  • Potenza totale installata: 856,2 kW

Inoltre, sono stati censiti 238 quadri elettrici, di cui 212 per regolare gli impianti di illuminazione pubblica; 17 per regolare e controllare gli impianti semaforici e 9 per regolare e controllare gli impianti di illuminazione esterna degli impianti sportivi, di cui il 58% risulta essere non conforme alla legge regionale.

 

La riqualificazione energetica dell’impianto d’illuminazione del Comune di Mirano ha come obiettivi la riduzione dei consumi energetici ed economici, il contenimento dell’impatto luminoso degli apparecchi sull’ambiente e l’aumento del comfort visivo.

Attualmente l’impianto d’illuminazione del miranese utilizza apparecchi a bassa efficienza luminosa, linee di alimentazione e quadri elettrici di comando e controllo datati, che comporta alti costi di gestione ed elevata manutenzione dell’impianto.

Il comune ha deciso di predisporre un intervento di restauro ed efficientamento energetico attraverso la sostituzione degli apparecchi illuminanti vetusti con apparecchi ad alta efficienza con sorgente LED (>100 lm/W), l’autorizzazione per l’installazione di nuove insegne luminose, l’inserimento di un nuovo aritoclo nel regolamento edilizio comunale e l’organizzazione di una campagna di sensibilizzazione per informare la cittadinanza sugli obblighi di legge e le politiche energetiche comunali.

 

Committente: 

Comune di Mirano

Data adesione Patto dei Sindaci:

15 novembre 2012

Nr. abitanti: 

27.000

Territorio: 

46 kmq

Obiettivo PAES: 

-20%

Riduzione monitoraggio 2013-2015:

-34%

Riduzione monitoraggio 2013-2015:

-53,71%